Come scoprire il numero di una chiamata anonima

a cura di

E’ possibile risalire alla persona che ci fa una chiamata anonima e ci disturba continuamente? E’ una delle domande che ricevo molto spesso via e-mail. Le chiamate anonime sono così definite, perché non è mostrato, appunto, il numero di chi ci chiama.

Le chiamate anonime possono essere, purtroppo, utilizzate per disturbarci. Scoprire ci fa una chiamata anonima, non è impossibile. Se le chiamate anonime sono utilizzate per disturbarci o minacciarci, il mio consiglio è quello di andare a fare subito una denuncia. Prima di farlo, registriamo le chiamate anonime che riceviamo e appuntiamoci l’orario in cui sono state ricevute.

Solitamente chi ci minaccia in modo pesante è una persona che conosciamo, a noi molto vicina o che comunque lo è stata in un tempo non tanto lontano. Difficilmente uno sconosciuto inizia a disturbarci di sana pianta via telefono. Se sospettiamo di alcune persone, quando facciamo la denuncia, indichiamoli chiaramente.

Possiamo anche utilizzare dei mezzi casarecci, che NON sono da sostituire alla denuncia, per scoprire chi ci fa una chiamata anonima. Prima di tutto, possiamo attivare sulla nostra linea telefonica il servizio Override, che ci permette di leggere il numero del chiamante anche se usa l’anonimo.

Il servizio è a pagamento e funziona per un periodo di tempo limitato. Per attivarlo, dobbiamo chiamare il nostro operatore telefonico. Una soluzione che usano molti investigatori e che ho imparato ad apprezzare in passato è quella di applicare un registratore e un risponditore automatico al telefono.

Il risponditore automatico risponde alle chiamate anonime, ma continua a riprodurre il classico tu-tu-tu di una chiamata, mentre il registratore registra la chiamata. In questo modo, chi ci fa una chiamata anonima, pensando che non abbiamo ancora risposto alla chiamata (in realtà lo abbiamo fatto e stiamo riproducendo il tu-tu-tu), potrebbe farsi sfuggire informazioni utili sulla sua identità.

Un ulteriore metodo si può applicare alle chiamate anonime ricevute sul cellulare. In questo caso, dobbiamo avere a disposizione un secondo cellulare e acquistare una nuova SIM. Diamo il nuovo numero di cellulare ad una persona che sospettiamo e facciamo passare un paio di giorni.

Chiamate anonime
(Foto di yisris)

Se riceviamo le chiamate anonime sul nuovo numero, significa che è proprio la persona a cui abbiamo dato il nuovo numero a farcele. Se riceviamo le chiamate anonime ancora sul vecchio numero, proviamo a dare il nuovo numero di telefono ad un altro sospettato, proseguendo così fino a quando non riceveremo le chiamate anonime sul nuovo numero.

Certo, occorre un secondo cellulare ma almeno possiamo capire, se siamo fortunati, chi ci fa le chiamate anonime fra un gruppo di sospettati.