Come avere WhatsApp gratis

a cura di

Negli ultimi tempi, si è fatto un gran parlare di WhatsApp e del fatto che questa popolarissima applicazione sia diventata a pagamento. In realtà la situazione è molto meno complicata di quello che si legge in giro, e per questo urge qualche puntualizzazione sull’argomento. Che ne dici se proviamo a schiarirci le idee insieme?

Cerchiamo di capire come avere WhatsApp gratis, se è ancora possibile provarlo senza pagare dei soldi e a quanto ammonta il prezzo dell’applicazione sulle varie piattaforme per cui è disponibile. Non ci vorrà molto, promesso.

WhatsApp è scaricabile gratuitamente su tutte le piattaforme mobile. Se hai iPhone, un terminale Android, un telefono con Windows Phone, un BlackBerry o un dispositivo Symbian, per avere WhatsApp gratis non devi far altro che aprire lo store del tuo telefono, cercare WhatsApp Messenger e procedere al download e all’installazione della app pigiando sugli appositi pulsanti.

Tuttavia, le versioni gratuite di WhatsApp sono tali solo per un anno. Dopo i primi 12 mesi, infatti, l’applicazione richiede il pagamento di un canone di 0,89 euro per poter essere utilizzata senza limitazioni. Il canone ha una validità pari ad un anno e può essere pagato direttamente dalla app utilizzando una carta di credito o PayPal, ma puoi risparmiare qualche soldo effettuando un abbonamento pluriennale al servizio di 3 o 5 anni.

Per rinnovare il tuo abbonamento a WhatsApp, premi il tasto Menu del telefono e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare. Nella schermata che si apre, pigia quindi su Account, seleziona la voce Pagamento e metti il sego di spunta accanto al tipo di abbonamento che intendi sottoscrivere: 1 anno (0,89 euro), 3 anni (2,40 euro) o 5 anni (3,34 euro). Dopodiché scegli il metodo di pagamento che preferisci tra Google Wallet (ossia la carta di credito associata al tuo account Google) e PayPal e completa la transazione seguendo le istruzioni a schermo.

Come accennato in precedenza, la versione iPhone di WhatsApp adesso prevede anch’essa canoni di abbonamento annuali. I prezzi degli abbonamenti saranno gli stessi delle altre piattaforme ma i vecchi utenti, quelli che hanno scaricato la app a 0,89 euro senza abbonamento, possono continuare ad utilizzarla gratis. Ti posso inoltre dire che puoi sperare di avere WhatsApp gratis per qualche mese anche su Android, visto che molte volte il periodo di utilizzo gratuito iniziale viene prorogato qualche giorno prima della scadenza (non capita sempre però, quindi fai attenzione a non far scadere la tua sottoscrizione!).

Se non sei disposto a pagare nemmeno questi pochi centesimi per messaggiare in maniera illimitata con i tuoi amici, posso consigliarti un paio di app che funzionano sia su iPhone che su Android e che almeno per ora sono totalmente gratuite.

La prima è Viber, che permette anche di telefonare via Internet come Skype, mentre la seconda è Kik Messenger che invece permette solo di scambiare messaggi in stile SMS via Internet. Entrambe funzionano allo stesso modo: si scaricano, si attiva il proprio account e si cercano gli amici che già le usano consentendo alle applicazioni di accedere alla rubrica del telefono.

Se vuoi avere maggiori informazioni su come chiamare con Viber o come messaggiare gratis con il telefonino, consulta pure gli articoli che ho preparato qualche tempo fa su questi argomenti.