Come clonare un hard disk

di

Vorresti trasferire dati e programmi da un PC all’altro ma non sai come fare? Ti piacerebbe creare una copia di backup dell’hard disk del tuo computer in modo da poter recuperare facilmente i dati nelle situazioni d’emergenza?

Se vuoi un consiglio, non perdere più tempo con DVD e chiavette USB: clona il disco fisso del tuo PC e creane una copia esatta su un hard disk portatile. Così avrai dati, impostazioni e perfino il sistema operativo sempre a disposizione, pronti per essere ripristinati all’occorrenza sul tuo computer o perfino altre macchine.

Troppo complicato? Ti sbagli di grosso. Per compiere un’operazione del genere, anche se detta così può sembrare una cosa complicatissima, bastano pochissimi click. Provaci subito, leggi le indicazioni su come clonare un hard disk che trovi qui sotto e mettile in pratica.

Come clonare il disco di un PC Windows

Clonare hard disk

Il primo passo che devi compiere (prima di passare all’azione) è assicurarti di avere un hard disk portatile abbastanza capiente per la mole di dati che devi trasferire su di esso.

Recati quindi in Computer (chiamato anche Risorse del computer o Questo PC a seconda della versione di Windows in uso), fai click destro sull’icona del disco C: (o dell’unità che desideri clonare), seleziona la voce Proprietà dal menu che compare e controlla a quanto ammonta la capacità dell’unità.

Il tuo hard disk portatile, quello su cui verrà clonato l’hard disk del computer, deve essere grande almeno quanto il disco C: e dovrà essere vuoto, altrimenti perderai tutti i dati conservati in esso (in quanto verrà formattato).

Fatte queste opportune verifiche, passa all’azione scaricando Clonezilla e Tuxboot. Clonezilla è un software open source – oltre che completamente gratuito – il quale permette di clonare/ripristinare dischi formattati con tutti i file system più diffusi: FAT32, NTFS, EXT3, EXT4, HFS+ ecc. Agisce al di fuori del sistema operativo, va infatti scaricato sotto forma di immagine ISO e poi copiato su una chiavetta USB utilizzando Tuxboot, l’altro programma gratuito che devi procurarti.

Ecco la procedura che devi seguire per scaricare i due software e creare la tua chiavetta USB per la clonazione dell’hard disk. Puoi usare qualsiasi chiavetta, servono poco più di 200MB di spazio libero. Occhio che tutto il contenuto del drive verrà cancellato.

  • Scarica Clonezilla collegandoti al sito Web del programma, impostando l’opzione iso nel menu a tendina Select file type e cliccando sul pulsante Download.
  • Scarica Tuxboot collegandoti al sito Web del programma e cliccando prima sulla voce Files on SourceForge e poi su 0.8Windows e tuxboot–0.8.2.exe.
  • Copia Clonezilla sulla chiavetta USB usando Tuxboot. Per compiere quest’operazione basta avviare il software (che non richiede installazioni), mettere il segno di spunta accanto alla voce Pre-Downloaded, pigiare sul bottone […] e selezionare il file ISO di Clonezilla. Dopodiché occorre selezionare l’unità della chiavetta USB dal menu a tendina Drive e cliccare sul pulsante OK.

Una volta ottenuta la chiavetta USB con Clonezilla, riavvia il PC ed esegui il boot da quest’ultima. Se il computer non rileva la chiavetta e viene avviato normalmente Windows, entra nel BIOS e imposta l’unità USB come unità di boot primaria seguendo le indicazioni che trovi nella mia guida sull’argomento. Se utilizzi un PC recente equipaggiato con Windows 8 o successivi, che al posto del BIOS ha l’UEFI, devi disabilitare anche la funzione secure boot che impedisce l’avvio di sistemi operativi diversi da quello predefinito.

Una volta partito Clonezilla, seleziona la voce Clonezilla live dal menu che compare e premi il tasto Invio sulla tastiera del PC. Dopodiché imposta la lingua Italian | Italiano, seleziona l’opzione per non modificare la mappatura della tastiera e procedi con l’avvio di Clonezilla selezionando l’apposita voce dalla schermata che si apre.

A questo punto, scegli l’opzione device-image se desideri creare un’immagine del disco (ossia un archivio contenente tutti i file contenuti nell’hard disk da clonare) oppure l’opzione device-device per copiare il contenuto dell’hard disk su un altro disco senza organizzarlo in un unico archivio.

Ora, scegli l’opzione local_dev, seleziona il disco esterno su cui clonare l’hard disk del computer (se hai scelto di creare un’immagine del disco dovrai indicare anche il percorso esatto in cui salvarla) e vai prima su Beginner, e poi su savedisk.

Infine, premi Invio per quattro volte consecutive e rispondi in maniera affermativa a tutte le richieste di Clonezilla digitando la lettera y e premendo il tasto Invio sulla tastiera del computer.

La procedura di clonazione del disco potrebbe andare avanti per diverse ore, a seconda della mole di dati da copiare. Per saperne di più e per scoprire come ripristinare i dati dopo la clonazione dell’hard disk consulta il mio tutorial su come clonare un hard disk con sistema operativo.

Come clonare il disco di un Mac

Time Machine

Se utilizzi un Mac, puoi clonare il disco del tuo computer utilizzando Time Machine, il software per il backup incluso gratuitamente "di serie" in tutte le versioni di OS X. Utilizzarlo è davvero un gioco da ragazzi.

Innanzitutto assicurato di avere un hard disk esterno capiente almeno quanto il disco del Mac. Se non sai qual è la capacità dell’hard installato nel computer, clicca sull’icona della mela in alto a sinistra e seleziona prima la voce Informazioni su questo Mac dal menu che compare e poi la scheda Archiviazione dalla finestra che si apre.

Il secondo passaggio che devi compiere è formattare il disco esterno in modo che possa essere utilizzato per il backup. Collega dunque il drive al computer, se compare una richiesta relativa a Time Machine clicca sul bottone Decidi dopo e avvia l’Utility Disco che si trova nella cartella Altro del Launchpad.

Nella finestra che si apre, seleziona il nome dell’hard disk esterno dalla barra laterale di sinistra, vai sulla scheda Inizializza, imposta l’opzione Mac OS esteso (journaled) dal menu Formato e clicca sul pulsante Inizializza per formattare l’unità. Se vuoi facilitare l’identificazione del drive, digita un nome come Time Machine o Backup nel campo Nome.

Dovrebbe comparire nuovamente la richiesta di Time Machine, che ora puoi accettare cliccando sul pulsante Utilizza come disco di backup. Qualora non venisse visualizzato alcun messaggio, recati invece in Preferenze di sistema, clicca sull’icona di Time Machine, clicca sul pulsante Seleziona disco di backup, seleziona il disco esterno come unità di destinazione e sposta su ON la levetta che si trova sulla sinistra.

I backup di Time Machine possono essere utilizzati, all’occorrenza, per ripristinare singoli file o l’intero sistema operativo completo di programmi e dati. Per eseguire il ripristino completo del Mac, bisogna riavviare il computer ed entrare nella modalità di recupero tenendo premuto i tasti cmd+r durante la fase di accensione. Dopodiché bisogna selezionare l’opzione Ripristina da backup di Time Machine e procedere con il ripristino del backup dal disco esterno.

L’unica limitazione di Time Machine è che non crea dei dischi avviabili. Questo significa che se colleghi un disco usato per il backup di Time Machine a un Mac, non puoi avviare il sistema operativo direttamente da quest’ultimo. Se tu hai esigenze di questo tipo puoi ricorrere a utility di terze parti, come Carbon Copy Cleaner di cui ti ho parlato nel mio tutorial su come clonare l’hard disk del Mac.