Come collegare il PC alla TV

di

Sei stanco di guardare i film scaricati da Internet sul piccolo display del computer? Vorresti tanto gustarti i video di YouTube in alta definizione sulla TV di casa? Allora non aspettare oltre e corri ad acquistare tutto l’occorrente per collegare il tuo computer alla televisione.

Con poche decine di euro, potrai acquistare dei cavi grazie ai quali visualizzare tutti i contenuti del PC sul televisore del salotto, nuovo o vecchio che sia, sia in alta definizione che in definizione standard: troverai sicuramente il metodo più adatto alle tue esigenze. Se sei pronto, ecco allora come collegare il PC alla TV in dettaglio.

Innanzitutto devi guardare dietro il case del tuo computer (o ai lati del tuo notebook) e dietro il televisore cercando di capire quali uscite e quali prese siano supportate. Ciò è necessario perché esistono vari cavi grazie ai quali è possibile mettere in comunicazione i due apparecchi. Questi sono quelli più diffusi.

  • S-Video: un piccolo spinotto rotondo supportato dalla maggior parte dei PC (anche quelli più datati) e facilmente collegabile alla TV grazie all’utilizzo di adattatori Scart. Non gestisce il flusso audio, quindi va associato ad un cavo aggiuntivo da collegare all’uscita audio del PC e alle entrate audio della TV.
  • HDMI: il miglior metodo per collegare PC e TV. È supportato dalla maggior parte dei computer più recenti e da tutti gli HDTV. Supporta flussi video in alta definizione e flussi audio senza problemi.
  • VGA: è lo stesso che si usa comunemente per collegare il PC al monitor. È supportato da tutti i PC e dalla maggior parte dei televisori più recenti. Come l’S-Video, non supporta i flussi audio e va quindi associato a un altro cavo.
  • RCA Composito: i famosissimi jack in rosso, giallo e bianco supportati da molti PC e praticamente tutti i televisori in commercio. I cavi rosso e bianco trasferiscono l’audio, quindi non c’è bisogno di spinotti aggiuntivi, ma la qualità di output non è eccellente.
  • DVI: un altro formato di cavo molto comune per il collegamento di PC e monitor. Esistono degli ottimi adattatori per collegare questa porta del PC a quella HDMI delle TV HD.

Qui sotto trovi una foto di tutti i cavi appena menzionati, così potrai farti meglio un’idea di come sono fatti prima di andare ad acquistare quello più adatto alle tue esigenze.

Ed ora passiamo ad un esempio pratico. Mettiamo il caso che tu voglia collegare il PC alla TV tramite cavo HDMI. Tutto quello che dovrai fare sarà collegare i due capi del cavo alle relative prese presenti su computer e televisore (in qualsiasi verso), sintonizzare la TV sul canale HDMI (es. HDMI 1) e attendere qualche secondo affinché il desktop di Windows compaia sul televisore.

Nel caso in cui ciò non dovesse accadere, fai click destro in un punto qualsiasi del desktop di Windows (sto parlando di Windows 8, Windows 7 e Vista) e seleziona la voce Risoluzione dello schermo presente nel menu che compare. Nella finestra che si apre, clicca quindi sul pulsante Rileva, aspetta che il computer rilevi il televisore e seleziona la voce Estendi il desktop a questo schermo dal menu a tendina Più schermi.

Per finire, clicca su Applica/OK e non dovresti avere più problemi. Dal medesimo pannello di configurazione puoi anche stabilire l’ordine in cui devono essere predisposti i due schermi (ad esempio uno a destra e uno a sinistra oppure uno sopra e uno sotto), basta spostare le icone dei due monitor con il mouse e cliccare su Applica/OK per salvare i cambiamenti.

Usi un Mac? Nessun problema. I modelli più recenti di MacBook supportano tutti la connessione diretta via cavo HDMI. In alternativa puoi collegare il computer di casa Apple al televisore utilizzando un adattatore da Mini DisplayPort a HDMI che costa appena pochi euro.

Una volta stabilita la connessione tra Mac e TV, per regolare la disposizione e il funzionamento degli schermi puoi recarti in Preferenze di sistema > Monitor e usare la scheda Disposizione per cambiare l’ordine dei monitor o disattivare la duplicazione della scrivania (per non vedere le stesse cose su TV e Mac ma avere due desktop separati).  Per maggiori dettagli su come collegare il Mac alla TV consulta pure la mia guida a riguardo.

Collegare TV PC

È fatta! Adesso sai come collegare il PC alla TV e quando ti sarai stancato di visualizzare i tuoi video sul televisore del salotto, ti basterà rimuovere i cavi che hai collegato in precedenza per tornare alla normale visualizzazione del desktop sul monitor del computer.

Ti piacerebbe poter collegare computer e TV senza avere fili “volanti” nella stanza? Tecnicamente è possibile, esistono anche dei sistemi di collegamento wireless, ma ti avverto: spesso soffrono di lag, ossia di ritardi fra il movimento del mouse o la digitazione di testi sulla tastiera e la riproduzione delle azioni su schermo, e la qualità video non è sempre al top.

Uno dei sistemi più economici per connettere PC e televisore in modalità wireless è Chromecast, una chiavetta che si collega alle porte HDMI e USB del televisore e trasmette a quest’ultimo vari tipi di contenuti, compreso il desktop del computer o lo schermo di smartphone e tablet Android.

Per utilizzarlo come duplicatore del desktop bisogna installare il browser Google Chrome sul computer e l’estensione gratuita Google Cast. Dopodiché bisogna cliccare sull’icona di Google Cast presente nella barra degli strumenti (in alto a destra), selezionare la freccetta dal menu che compare e cliccare sull’opzione Trasmetti schermo intero.

In ambito Mac, invece, è possibile ricorrere alla Apple TV e al sistema AirPlay per la trasmissione di contenuti in streaming da OS X, iPhone e iPad. Funziona tutto in maniera automatica, basta cliccare sull’icona della duplicazione dello schermo presente nella menu bar del Mac (in alto a destra) e selezionare la voce Apple TV dal menu che compare.

Sia Apple TV che Chromecast devono essere connessi alla stessa rete wireless del computer per funzionare correttamente.