Come deframmentare il PC

a cura di

Ormai dovresti saperlo meglio del tuo nome: se il PC diventa lento, non è detto che sia stato infettato da dei virus. Potrebbe essere colpa del disco fisso, che a lungo andare si può frammentare e rendere l’accesso a file e programmi incredibilmente lento. Per risolvere questo problema, se l’apposita utility integrata in Windows non sembra svolgere bene il suo lavoro, ci si può affidare a UltraDefrag.

UltraDefrag è un programma gratuito e open source che permette di deframmentare il PC in maniera più efficace e veloce di quella offerta dallo strumento integrato in Windows. Il programma è completamente in italiano e permette di deframmentare anche registro e file di sistema con un semplice click. Che aspetti a provarlo?

Come prima mossa, provvedi a scaricare il programma UltraDefrag sul tuo PC. A download ultimato apri, facendo doppio click su di esso, il file appena scaricato (ultradefrag-4.4.0.bin.i386.exe) e, nella finestra che si apre, clicca prima su Next e poi su I Agree e Next per accettare le condizioni di utilizzo del programma.

Imposta quindi il software per l’utilizzo della lingua italiana, cliccando sulla voce Italian dal menu collocato a destra, e fai click prima su Install e poi su Finish per completare la procedura d’installazione di UltraDefrag.

Adesso, avvia UltraDefrag tramite la sua icona presente sul desktop e, nella finestra che si apre, seleziona la voce relativa alla partizione dell’hard disk su cui è installato Windows (es. C:). Clicca quindi sul pulsante Analizza per avviare un’analisi del disco e, nel caso in cui questo dovesse risultare frammentato (ossia con molti quadratini rossi nel grafico del programma), fai click su Deframmenta per avviare la procedura di deframmentazione del disco.

Se vuoi che il computer si spenga automaticamente al termine della procedura, metti il segno di spunta accanto alla voce Spegni PC dopo deframmentazione prima di avviare la deframmentazione.

Per deframmentare il PC in maniera completa e velocizzarlo più di quanto non faccia la semplice deframmentazione, puoi sfruttare la funzione Ottimizza (cliccando sull’omonimo pulsante). Usando questa funzione, l’accesso ai file sarà reso molto più rapido ma la procedura di ottimizzazione risulterà decisamente più lunga rispetto a quella con la sola deframmentazione.