Come disdire Sky

di

Abbonarsi alle TV a pagamento è un vero gioco da ragazzi, basta una telefonata e in men che non si dica si hanno a disposizione tanti bei canali extra con film, documentari ed eventi sportivi in diretta. È tutto molto bello e semplice… almeno fin quando non si decide di disdire il proprio contratto!

In quel caso, infatti, comincia un percorso che può rivelarsi lungo ed irto di ostacoli. Ecco il motivo per il quale oggi voglio darti una mano e proporti una guida su come disdire Sky, una delle principali pay TV disponibili in Italia.

Seguendo le mie indicazioni, ti basterà compilare un modulo e spedirlo via raccomandata/fax per svincolarti dal contratto di abbonamento della TV senza andare incontro a procedure strane o costi imprevisti. Ecco in dettaglio tutti i passaggi da seguire.

Il contratto di abbonamento standard alle pay TV dura 12 mesi e si rinnova automaticamente di anno in anno, questo significa che per disdire Sky hai due opzioni a disposizione: attendere la scadenza naturale del contratto annullandone il rinnovo automatico (in questo caso non si paga nulla) oppure effettuare la disdetta ad abbonamento in corso e pagare una piccola penale denominata costo dell’operatore più eventuali costi aggiuntivi legati alle promozioni sottoscritte in passato.

Il costo dell’operatore è pari a 11,53 euro ma ricorda che, a meno di un prolungamento del comodato d’uso, devi restituire entro 30 giorni tutte le apparecchiature di Sky che ti sono state recapitate a casa: decoder, telecomando, digital key e smart card recandoti in un centro Sky e richiedendo una ricevuta per l’avvenuta consegna. In caso di mancata restituzione di una o più apparecchiature entro i limiti di tempo previsti dal contratto, Sky potrà chiederti dai 21 ai 30 euro di rimborso per ogni dispositivo in tuo possesso. In qualsiasi caso, tieni presente che la richiesta di disdetta va inoltrata con 30 giorni di preavviso.

Inoltre, come già accennato, se annulli il tuo abbonamento prima della scadenza naturale e in passato hai approfittato di sconti o promozioni dovrai restituire il costo dell’operatore più il valore degli sconti di cui ti sei avvantaggiato. In altre parole, per fare un esempio, se per tre mesi hai avuto uno sconto di 10 euro sul canone di abbonamento alla pay TV dovrai restituire gli 11,53 euro del costo dell’operatore + 30 euro come risarcimento della promozione sottoscritta in passato.

Fatte queste dovute premesse, passiamo alla pratica vedendo come scaricare e compilare il modulo di disdetta di Sky. Se vuoi archiviare la pratica in maniera facile e veloce, il mio consiglio è quello di collegarti al sito Internet di Sky Italia e usare uno dei modelli prestampati disponibili per la disdetta del contratto, sotto la dicitura Moduli e Documenti.

Scegli quello più adatto alla tua situazione contrattuale fra: Modulo disdetta a scadenza contratto se stanno per passare i 12 mesi dal tuo ultimo rinnovo quindi e vuoi disdire il contratto alla scadenza naturale; Modulo recesso non a scadenza se vuoi disdire il contratto prima della scadenza naturale oppure Modulo recesso entro i primi 14 giorni se hai sottoscritto un abbonamento Sky a distanza o fuori dai locali commerciali dell’azienda da meno di 14 giorni lavorativi.

Disdire Sky

Compila quindi tutti i campi della pagina che si apre indicando i dati anagrafici del titolare dell’abbonamento (più il codice cliente Sky) e clicca sul pulsante Salva per scaricare il documento in formato PDF sul tuo computer.

Una volta ottenuta la tua lettera di disdetta, non ti rimane che stamparla, firmarla e completare la procedura relativa alla disdetta Sky inviandola via raccomandata A/R al seguente indirizzo.

SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO

Poiché l’abbonamento Sky viene fatturato in anticipo rispetto al mese corrente, se invii la tua disdetta all’inizio di un mese dovrai pagare l’intero canone di abbonamento mensile.