Come cancellare Ubuntu

di

Qualche settimana fa, hai deciso di avvicinarti al mondo Linux installando Ubuntu sul tuo PC ma i risultati non sono stati entusiasmanti. Continui a trovarti meglio con Windows, e quindi ora vuoi rimuovere Ubuntu dal tuo computer per liberare un po’ di spazio sull’hard disk.

Devi formattare tutto e reinstallare Windows da zero? Assolutamente no, stai tranquillo. Se vuoi scoprire come disinstallare Ubuntu, non devi far atro che seguire le indicazioni che sto per darti e vedrai che riuscirai nel tuo intento senza cancellare nemmeno uno dei file che conservi sotto Windows (quelli di Ubuntu invece si cancelleranno tutti).

Prima di iniziare, è meglio precisare che esistono due metodi per disinstallare Ubuntu: uno per chi ha installato Ubuntu come se fosse un’applicazione per Windows, tramite Wubi, ed uno per chi ha installato normalmente Ubuntu creando una seconda partizione sull’hard disk del PC.

Se tu hai provato Ubuntu seguendo i miei consigli su come installare Ubuntu, e quindi utilizzando l’installazione super-facile di Wubi, puoi rimuovere Ubuntu dal tuo computer come se si trattasse di qualsiasi programma per Windows. Clicca quindi sul pulsante Start e recati nel Pannello di Controllo.

Adesso, fai click su Installazione Applicazioni (XP) o Disinistalla un programma (Windows 7/Vista), seleziona Ubuntu dalla lista dei programmi installati nel sistema e clicca sul pulsante Disinstalla/Cambia per avviarne la rimozione. Nella finestra che si apre, clicca sul pulsante Rimuovi, aspetta che il processo di disinstallazione abbia fine e clicca su Finito per completare l’operazione.

Se hai installato Ubuntu dal dischetto d’installazione del sistema operativo, creando un sistema dual boot (ossia che permette di scegliere quale sistema operativo avviare tra Windows e Ubuntu all’accensione del PC) con una seconda partizione sull’hard disk, sappi che puoi scoprire come disinstallare Ubuntu eliminando la partizione su cui è stato installato quest’ultimo.

Se utilizzi Windows 7 o Vista, clicca quindi sul pulsante Start, digita partizioni nella barra di ricerca rapida e clicca sulla voce Crea e formatta le partizioni del disco rigido che compare nella colonna di sinistra del menu Start. Nella finestra che si apre, fai click destro sul riquadro relativo alla partizione su cui è installato Ubuntu e clicca prima sulla voce Elimina volume dal menu che compare e poi sul pulsante per eliminare la partizione di Ubuntu.

Adesso, ripeti la stessa operazione per la partizione di SWAP di Ubuntu (dovrebbe essere molto più piccola di quella del sistema operativo) e otterrai un riquadro verde con dello Spazio libero equivalente allo spazio delle due partizioni cancellate.  Clicca quindi con il pulsante destro del mouse sul riquadro verde che è comparso e seleziona la voce Elimina partizione dal menu che compare per cancellare definitivamente le partizioni di Ubuntu ed ottenere dello spazio non allocato.

Ci siamo quasi. Ora hai dello spazio vuoto che puoi riaccorpare alla partizione principale del tuo PC, quella su cui è installato Windows. Clicca quindi con il pulsante destro del mouse sul riquadro relativo alla partizione di Windows (es. C:) e seleziona la voce Estendi volume dal menu che compare. Nella finestra che si apre, clicca prima su Avanti per due volte consecutive e poi su Fine per completare l’operazione. Ecco fatto! Hai appena disinstallato Ubuntu definitivamente. Contento?

Se dopo aver seguito la seconda procedura di disinstallazione di Ubuntu, all’avvio del PC ti compare un messaggio di errore relativo a GRUB o all’MBR, devi ripristinare il boot loader di Windows per avviare correttamente il tuo sistema operativo. Se utilizzi Windows 7 o Vista, inserisci quindi il dischetto di installazione del sistema operativo nel PC ed effettua l’avvio da quest’ultimo premendo un tasto quando compare la scritta premere un tasto per avviare da CD-ROM o DVD-ROM. Nella schermata che compare, clicca prima su Avanti e poi su Ripristina il computer, Avanti e Prompt dei comandi. Nella finestra della linea di comando che si apre, dai i comandi Bootrec.exe /fixboot e Bootrec.exe /fixmbr e riavvia il PC per ripristinare il boot loader di Windows.

Se utilizzi Windows XP, inserisci il dischetto di installazione del sistema operativo nel PC ed effettua l’avvio da quest’ultimo premendo un tasto quando compare la scritta premere un tasto per avviare da CD-ROM. Nella schermata che compare, premi il tasto R della tastiera del PC quando in basso compare la scritta relativa al ripristino del sistema e dai i seguenti comandi per ripristinare il boot loader di Windows: fixboot; fixmbr; exit.