Come proteggersi dalle chiavette USB infettate

di

L’utilità delle chiavette USB non può essere quantificata! Grazie infatti ad una minuscola chiavetta USB riesco a scambiare centinaia e centinaia di file con tutti i miei amici. Le chiavette USB sono però la preda perfetta per virus e software malevolo: basta collegare una chiavetta USB infettata da un virus ad un PC “sano” per infettarlo!

Nove delle dieci chiavette USB che ho collegato al mio computer nei giorni scorsi erano infettate da pericolosi virus, pronti ad infettare il mio computer. Come fa una chiavetta USB ad infettare un computer? Semplice, la colpa è di un file chiamato “autorun.inf“. Questo file contiene l’indicazione di quale programma, contenuto o meno nella chiavetta USB, deve essere avviato quando si collega la chiavetta USB al PC.

Nelle chiavette USB infettate, il file “autorun.inf” dice al nostro PC di avviare il virus contenuto nella chiavetta USB in modo tale che possa infettare il nostro PC. Il modo per proteggersi? Anche in questo caso la risposta è semplice: cancellare i file “autorun.inf” contenuti nelle chiavette USB, impedendo così che vengano avviati programmi o virus della chiavetta USB senza il nostro consenso. Questo è possibile automaticamente con il programma gratuito iKill.

Collegati sul sito Internet di iKill e fai click sulla voce Download al termine della pagina per scaricare il programma sul tuo computer. Al termine dello scaricamento, estrai l’archivio scaricato in una cartella qualsiasi del tuo computer ed avvia il file di installazione estratto. Nella finestra che si apre, fai sempre click sul pulsante Next e, al termine dell’installazione, sul pulsante Close.

Per aprire il programma iKill, fai doppio click sulla sua icona creata sul Desktop del tuo computer. Per fare avviare iKill automaticamente all’avvio del computer, assicurati che sia spuntata la voce Startup with Windows nella finestra principale del programma. Spunta infine la voce Enable AutoProtect per fare in modo che il programma elimini automaticamente i file “autorun.inf” contenuti nelle chiavette USB che colleghi al PC.

L’utilizzo di iKill non può prescindere dalla presenza nel nostro PC di un buon antivirus perché, anche se impediamo ad un virus di avviarsi quando la chiavetta USB infettata viene collegata al PC, nulla ci vieta di avviarlo per sbaglio, quando lavoriamo coi file della chiavetta USB. Un buon antivirus ci protegge da questo rischio.