Come riportare il PC ad una data precedente

a cura di

Il tuo computer ha cominciato ad andare molto lento e mostra spesso messaggi di errore che non ti permettono di lavorare in pace? Sospetti che la causa di tutti questi problemi possa essere un programma o un driver che hai installato qualche giorno fa? Allora prova a riportare il sistema ad una data precedente e vedi se la situazione si mette a posto.

Windows integra un’utilissima funzione per il ripristino di sistema che permette di riportare lo stato del PC ad un determinato giorno. Utilizzandola, è possibile conservare tutti i dati e i documenti presenti sul PC andando a rimuovere solo quei programmi e quei driver che possono aver causato dei danni al computer. Che aspetti? Vediamo subito come riportare il PC ad una data precedente.

Se vuoi imparare come riportare il PC ad una data precedente, il primo passo che devi compiere è recarti nel Pannello di controllo e cercare il termine ripristino nella barra di ricerca rapida che si trova in alto a destra. Seleziona quindi la voce Ripristina il computer o reinstalla Windows dai risultati della ricerca e, nella schermata che si apre, fai click sul pulsante Apri Ripristino di configurazione di sistema per avviare l’utility di ripristino del sistema.

A questo punto, metti il segno di spunta accanto alla voce Scegli un punto di ripristino diverso e clicca sul pulsante Avanti per visualizzare l’elenco dei punti di ripristino disponibili, ossia delle date alle quali puoi portare indietro il sistema. I punti di ripristino sono predisposti in ordine cronologico, dal più recente al più vecchio.

Seleziona dunque quello che vuoi utilizzare per portare indietro lo stato del tuo computer e clicca prima su Avanti e poi su per avviare la procedura di ripristino del sistema. La durata del processo può essere abbastanza lunga, varia sia in base alla potenza del PC in uso che (soprattutto) in relazione alla mole di dati e impostazioni modificare.

Per riportare il PC ad una data precedente, il sistema si riavvierà automaticamente e al successivo accesso a Windows (che risulterà un po’ più lento del solito) verrà visualizzato un messaggio che avvisa dell’avvenuto ripristino del computer alla data selezionata.

Nel caso in cui qualcosa vada storto durante la procedura di ripristino del sistema (può capitare, soprattutto se si prova ad usare punti di ripristino troppo datati), non temere. Windows ti avviserà che non è stato possibile completare la procedura e tutto tornerà come prima.

Per superare l’ostacolo, prova a ripristinare il sistema usando la data immediatamente successiva o precedente a quella selezionata nel tentativo di ripristino andato male.

Se quando metti il segno di spunta accanto alla voce Scegli un punto di ripristino diverso nell’utility di ripristino di sistema e clicchi su Avanti vengono visualizzati solo pochi punti di ripristino, prova a spuntare l’opzione Mostra ulteriori punti di ripristino (in basso a sinistra) e dovrebbero esserne visualizzati altri. Attenzione, però, selezionare punti di ripristino eccessivamente vecchi aumenta i rischi di incorrere in problemi durante le operazioni di ripristino di Windows.

Puoi anche visualizzare i programmi interessati da ciascun punto di ripristino, ossia quelli che vengono disinstallati se si sceglie di ripristinare il sistema riportandolo a una determinata data. Basta selezionare un punto di ripristino dall’elenco dell’utility di ripristino di Windows e cliccare sul pulsante Cerca programmi interessati.