Come recuperare file cancellati dal Cestino

di

Stai cercando disperatamente la relazione di lavoro che avevi preparato la settimana scorsa ma, niente, non riesci a trovarla! Noooo! Ora che ci pensi bene, l’altro giorno hai fatto un po’ di pulizia sul PC e hai diligentemente svuotato il Cestino del computer.

Evidentemente hai fatto TROPPA pulizia, ma non c’è motivo per cedere al panico.  Quando si eliminano file o cartelle, i dati non vengono immediatamente rimossi dal disco rigido: lo spazio che era occupato dai dati eliminati viene, infatti, indicato come libero e il sistema può sovrascriverlo con nuovi file, ma fino a quando lo spazio non viene sovrascritto con nuove informazioni è possibile ripristinare i dati precedenti.

Non sempre è quindi possibile recuperare i dati cancellati, ma provare non nuoce. Soprattutto se si utilizzano i software giusti. Direi allora di non perdere altro tempo e vedere subito come recuperare file cancellati dal Cestino di Windows e Mac OS X.

Recuperare file cancellati dal Cestino di Windows

Recuva

Se utilizzi un PC Windows puoi affidare le tue speranze di recupero dei dati cancellati a Recuva, un’applicazione gratuita prodotta da Piriform (la stessa azienda produttrice di CCleaner) che consente di ripristinare qualsiasi tipo di file da hard disk, chiavette USB e altre unità di memorizzazione. È completamente in italiano ed è semplicissimo da utilizzare anche per chi non è molto esperto di PC.

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Internet e fai click prima sul pulsante Download e poi sulla voce Piriform.com presente nella pagina che si apre. A download ultimato, apri il pacchetto d’installazione del software (es. rcsetup151.exe), seleziona l’Italiano dal menu per la scelta della lingua e porta a termine il setup cliccando in sequenza su Next, AvantiInstalla e Fine.

A questo punto, avvia Recuva e clicca sul pulsante Avanti. Dopodiché seleziona la tipologia di file che intendi recuperare tra ImmaginiMusicaDocumentiVideoCompresso (archivi zip/rar) ed Email oppure seleziona l’opzione Tutti i file per avviare una ricerca globale non ristretta ad alcun tipo particolare di file e fai click su Avanti.

Ora, apponi il segno di spunta accanto alla voce Non sono sicuro e clicca su Avanti e Avvia per avviare la ricerca dei file cancellati sul computer. A procedura ultimata (potrebbero volerci diversi minuti), metti il segno di spunta accanto ai nomi del file che intendi ripristinare e pigia su Recupera… per selezionare la cartella in cui esportarli.

Nota: i file che si possono recuperare senza problemi sono quelli con il bollino verde accanto. Quelli con il bollino giallo sono recuperabili ma quasi sicuramente danneggiati mentre quelli contraddistinti dal bollino rosso purtroppo sono corrotti e non si possono più ripristinare.

Recuperare file cancellati dal Cestino di OS X

Disk Drill

Se utilizzi un Mac e vuoi recuperare file cancellati dal Cestino ti consiglio vivamente di provare Disk Drill che ahimè è a pagamento, normalmente costa 79 euro, ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne l’efficacia (ossia di scoprire quali file sarebbe in grado di estrarre e visualizzarne un’anteprima tramite QuickLook).

Per scaricarlo sul tuo computer, collegati al suo sito Internet e clicca sul bottone Scarica la versione gratuita. Dopodiché apri il pacchetto dmg che contiene il software e copia l’icona di Disk Drill nella cartella Applicazioni di OS X per installare il programma sul tuo Mac.

A questo punto, per avviare la ricerca dei file da ripristinare, apri Disk Drill, rimuovi le spunte da tutte le voci selezionate nella finestra che compare e clicca su Continue e Stay with Disk Drill per accedere alla finestra principale dell’applicazione.

Pigia dunque sul bottone Recupera collocata accanto all’icona dell’hard disk del tuo Mac e attendi che vengano trovati tutti i file recuperabili (potrebbero volerci diversi minuti). Ad operazione completata, espandi le cartelle Found filesReconstructed files per sfogliare tutti i dati trovati da Disk Drill in base alla loro posizione originale (es. cartella dei Documenti, cartella Library ecc.)  o alla loro tipologia (immagini, video, documenti ecc.) e clicca sull’icona dell’occhio collocata accanto ai loro nomi per visualizzarne un’anteprima in tempo reale.

Se hai acquistato la versione completa del software, puoi avviare il recupero dei file semplicemente apponendo il segno di spunta accanto ai loro nomi, cliccando sul pulsante Recupera collocato in alto a destra e selezionando la cartella in cui esportarli.

Qualora non avessi intenzione di spendere soldi per recuperare i file cancellati del tuo Mac, puoi provare anche Lazesoft Mac Data Recovery che è meno intuitivo ed efficace di Disk Drill ma in molte occasioni riesce a portare ugualmente a casa il risultato. Ti ho spiegato dettagliatamente come utilizzarlo nella mia guida su come recuperare file cancellati su Mac.